Waldner: “Maltempo il nostro nemico, ma pensiamo positivo”

0
4

Nella notte sulla Otztal in Austria è atteso un fronte perturbato con neve e forte vento e questo potrebbe mettere a rischio la disputa del gigante maschile di coppa del mondo. Una decisione sarà presa dalla giuria alle ore 7 di domani mattina, altrimenti tutti a casa.

Non c’è molto ottimismo tra gli addetti ai lavori per la certezza nello svolgimento del primo gigante maschile della stagione. Dopo il quasi regolare svolgimento del gigante odierno delle donne, con il solo abbassamento della partenza per vento in quota, ora le cose si fanno più difficili. Il meteo austriaco ha, infatti, decretato un allarme alto per la giornata di domenica con neve e vento forte, fino a 100-140 km/h sulle creste di confine che potrebbero costringere gli organizzatori tirolesi di Soelden ad alzare anticipatamente bandiera bianca.

Intanto ieri pomeriggio gli addetti hanno già smontato tutto sul ghiacciaio del Rettenbach: dai teloni, ai gonfiabili, dalle telecamere tv alle bandierine delle porte del tracciato di gara, tranne le tribune, per evitare che il forte vento possa trascinare via quanto troverà sulla propria strada.

Dalle 4 di questa notte squadre di volontari saranno al lavoro, vento permettendo, per cercare di sistemare il tracciato di gara ed eventualmente togliere la neve che si accumulerà – sono attesi circa 40-50 cm di neve fresca – ma solo alle 6.50 la giuria prenderà una decisione. Lo ha confermato nel corsso della riunione dei capitani Markus Waldner, il direttore della coppa del mondo. “Noi cerchiamo di guardare in modo ottimistico. Se alle 6.50 – ha dichiarato Waldner – ci saranno le condizioni per provare a correre, il programma procederà secondo scaletta. Altrimenti se il vento forte dovesse essere ancora così elevato come previsto, alle 7 del mattino non faremo salire nessuno in ghiacciaio e manderemo tutti a casa”.

Come da regolamento Fis è stato precisato, in caso di cancellazione di una gara programmata in ghiacciaio, quest’ultima non potrà essere più recuperata durante la stagione corrente.