Super stagione per l’Italia dello sci, il ds: “Frutto di un lavoro coeso”

0
6

La super stagione per l’Italia dello sci, secondo il ds Massimo Rinaldi è “Frutto di un lavoro coeso”.

La Coppa de mondo di sci si è chiusa con il botto: prima la doppietta in discesa con Paris e Fill, che ha portato a casa la Coppa di specialità, poi ancora Paris secondo in superG, Sofia Goggia terza in discesa, Fede Brignone terza in superG e infine la storica tripletta (Brignone, Goggia e Bassino) in gigante (il precedente è datato 1996 con Compagnoni, Panzanini e Kostner nel gigante di Narvik).

Un epilogo elettrizzante in cui si raccolgono i frutti di un triennio di lavoro sotto la guida del direttore sportivo Massimo Rinaldi: “Sono particolarmente fiero per quanto sono stati capaci di realizzare i ragazzi – commenta il tecnico -, ringrazio la Federazione per avere supportato e condiviso i nostri progetti in questi 3 anni in cui mi è stato affidato questo incarico. I risultati sono stato ottenuti da atleti molto preparati e da uno staff che lavora coeso e con obiettivi comuni e i piazzamenti nelle classifiche per nazioni sono figli della qualità del lavoro svolto da entrambi i settori, che hanno fruttato la bellezza di 43 podi, il terzo posto di Goggia in classifica generale, la vittoria di Peter Fill nella classifica di discesa maschile e i sei podi complessivi nelle graduatorie di specialità. La prossima sfida per il futuro sarà quella di mantenere questi alti livelli e necessiterà di maggiore impegno e cura nei dettagli, personalizzando i programmi proprio in previsione delle Olimpiadi del prossimo anno”.