Crans Montana, Goggia, “Non è stata una vittoria scontata”

0
4

E’ stato confermato il primo posto di Sofia Goggia nella discesa libera di Crans Montana.

Cambiano tuttavia, a causa di problemi nel cronometraggio, altre posizioni, su tutte quella di Lara Gut Behrami che sale al terzo posto.

A vederla da fuori è sembrata una vittoria arrivata quasi “naturalemente” per la 26 enne bergamasca, viste anche le due prove in cui aveva fatto segnare il miglior tempo.

Ma Sofia Goggia non la  pensa così. “È stato un risultato molto meno scontato di quanto possa apparire, non è stato facile perché ci sono state delle interruzioni, gli intervalli erano lunghi e diventava sempre più difficile. In più mi hanno fermata a 10″ dalla partenza con i bastoni già puntati fuori dal cancelletto, però sono rimasta concentrata e mi sono detta di fare la mia gara”.

Per Sofia è la sesta vittoria in Coppa del mondo, la quarta in discesa: “Sono partita senza forzare, poi sono andata ingranando su una pista che si addice molto alle mie caratteristiche, possiede alti contenuti tecnici, non era facile. Ho voglia tanta di gareggiare e sciare forte, mostrare le cose di cui sono capace. È vero che oggi ho vinto, però sto vivendo questi risultati con molta tranquillità, credo di provare maggiore gioia nell’immaginarli piuttosto che viverli, mi piace tanto lavorare per raggiungerli, e il successo è una naturale conseguenza”.

Le modifiche nella classifica finale vedono anche Federica Brignone retrocessa dal settimo all’ottavo posto. Ottima comunque la prova di Fede: “Sono molto contenta, anche se purtroppo sono a soli quattro decimi dalla seconda piazza. Mi sarebbe piaciuto essere più davanti, ma ho visto la Stuhec (protagonista sua malgrado di una brutta caduta, ndr) e forse mi sono un po’ agitata. Comunque ho fatto una buonissima ultima parte, riparto da quello che ho fatto oggi per fare una bellissima discesa nella combinata di domenica e per attaccare a tutta nello slalom”.

Nella combinata non ci sarà invece Sofia Goggia che rivedremo in pista direttamente a Sochi.

foto: Fisi Pentaphoto